You are currently viewing XVI Giornata Nazionale Incontinenza di Fincopp
XVI Giornata Nazionale Incontinenza di Fincopp

XVI Giornata Nazionale Incontinenza di Fincopp

Il convegno di Fincopp OdV in occasione della XVI Giornata Nazionale per la Prevenzione e la Cura dell’Incontinenza è stato un successo. L’incontro si è tenuto in presenza e in diretta streaming dalla Sala Riunioni della Regione Puglia, lunedì 28 Giugno. Nessuno avrebbe potuto scommettere che un evento di tre ore e mezza avrebbe mantenuto l’attenzione del pubblico per tutta la sua durata. Invece è proprio quello che è successo.

Vai allla videoregistrazione integrale dell’incontro:

Ha aperto i lavori il Prof. Lopalco

Ha aperto i lavori l’Assessore alla Sanità di Regione Puglia, Prof. Pier Luigi Lopalco. L’Assessore Regionale che apre i lavori è di per sé indice della valenza del convegno. Se poi si pensa alla levatura del Prof. Lopalco, i motivi di soddisfazione aumentrano ancora di più. L’Assessore, come è noto, è Professore Ordinario di Igiene presso l’Università di Pisa. Una persona che quando parla in tema di salute, sa quello che dice. Lo testimonia il suo curriculum. Si è laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato in Igiene e Medicina Preventiva all’Università di Bari. Ha lavorato a lungo presso il Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie (ECDC) a Stoccolma. Qui è stato capo del programma per le malattie prevenibili da vaccino. Ha pubblicato oltre 170 articoli su riviste scientifiche accreditate nazionali ed internazionali.

Ha aperto i lavori e ha fatto un annuncio importante. A breve, la Regione Puglia attiverà concretamente i centri di primo, secondo e terzo livello per la cura dell’incontinenza e delle disfunzioni del pavimento pelvico. E’ stato, il suo, un annuncio di grande importanza. Il tema dell’attivazione dei centri è quello cui è stato dedicato il convegno. L’accordo del 24 Gennaio 2018 della Conferenza Stato Regioni definiva essere questo il modello corretto di cura e assistenza dell’incontinenza. Fino ad oggi, però, non è stato ancora attuato se non in Piemonte e in parte in Veneto.

Le associazioni pazienti hanno partecipato in modo corale

Il Prof. Lopalco si è poi dovuto allontanare per gli impegni istituzionali legati alla riunione del G20 che si teneva a Bari. Ha ritenuto però così rilevante il convegno e i suoi contenuti che ha deciso di tornare per partecipare e assistere ai lavori.

Non è stato l’unico a cogliere il senso della Giornata e dell’evento che Fincopp ha organizzato. Diverse associazioni di pazienti hanno voluto portare il loro saluto e il loro contributo. TUtte hanno riconosciuto il valore di partecipare alla XVI Giornata Nazionale Incontinenza di Fincopp. E’ stato un modo per dare il senso di come siamo uniti intorno ad un problema che riguarda tutti. Parliamo della salute dei più deboli di coloro che sono più indifesi. Quelli che a volte sono dimenticati.

Ha portato il suo saluto Vincenzo Falabella, Presidente Nazionale della FISH, Federazione Italiana per il Superamento del’Handicap. L’Avv. Falabella è anche Presidente Nazionale della FAIP, Federazione Associazioni Italiane delle Persone con lesioni al midollo spinale. La sua notevole esperienza nelle due organizzazioni e la sua condizione di vita gli permettono di parlare con cognizione di causa di associazionismo a sostegno dei pazienit. Ha detto, tra l’altro, che quella del 28 Giugno non deve essere intesa come una giornata celebrativa. E’ invece l’occasione “per il rilancio delle politiche associative per cercare di migliorare le sorti di questo Paese”.

Problemi che riguardano anche i bambini

Cristina Dieci ha parlato in rappresentanza dell’Associazione Spina Bifida Italia. Quando l’ha presentata, Francesco Diomede non ha potuto non dire che siamo di fronte a problemi seri e a grandi sofferenze. Cristina Dieci ha osservato che questa giornata è importante per pazienti e famiglie. Lo è anche per sensibilizzare cittadinanza, istituzioni, operatori sanitari e opinione pubblica intorno ad un tema di grandi dimensioni. Anche i bambini soffrono di incontinenza. Questo problema colpisce addirittura il 20% di loro. Spesso è dovuto a malformazioni congenite. Si devono curare rendendo il bambino parte attiva della cura.

Giuseppe Nebbioso ha dichiarato di essere felice di partecipare ai lavori. Il Presidente di SIMITU, Associazione per i Diritti dei Pazienti affetti da Ulcere Cutanee, ha parlato della qualità della vita di pazienti affetti da questi problemi. Questi riguardano le lesioni croniche cutanee, le ulcere venose, il piede diabetico e le piaghe da decubito. Ha poi sottolineato come l’Associazione abbia partecipato con piacere all’iniziativa di Fincopp per premiare le buone prassi adottate dalle Aziende sanitarie pubbliche nelle gare di appalto. Parliamo delle gare di appalto per l’acquisto di dispositivi medici monouso per pazienti incontinenti, stomizzati e laringectomizzati.

Laura Magenta è intervenuta dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. La rappresentante dell’associazione Palinuro ha spiegato chiaramente come si arrivi all’incontinenza dal tumore alla vescica. Ha osservato come quello dell’incontinenza sia un mondo complesso e variegato. Per questo le sembra appropriata la definizione di “pianeta incontinenza”.

Momenti di commozione

Roberto Persio è intervenuto per AILAR, Associazione Italiana Laringectomizzati, di cui è Presidente. Ha proposto un ragionamento toccante per la sua lucidità. La fatica di parlare, prodotta dalla sua malattia, non lo ha fermato. Ha raccontato di avere conosciuto Francesco Diomede in F.A.V.O. e di avere accolto con piacere il suo invito a lavorare insieme. Ha detto che sono 10.000 le persone che subiscono un intervento di laringectomia ogni anno. Si tratta di un intervento che obbliga ad utilizzare dispositivi medici ogni giorno. I pazienti però hanno difficoltà ad accedervi. “Siamo fratelli nella battaglia per i dispositivi medici”, ha affermato.

Si è commosso Francesco Diomede quando ha preso la parola. Il Presidente di Fincopp OdV ha osservato come le persone con laringectomia e i bambini con spina bifida siano quelli in maggiore difficoltà. Lo sono anche i pazienti rappresentati dalle altre associazioni. Per questo ha voluto un convegno nel quale fossero presenti in tante, anche se FISH e FAVO, ambedue presenti ai lavori, nel loro ruolo di federazioni ne rappresentano molte. La XVI Gioranta Nazionale dell’Incontinenza di Fincopp doveva essere un momento di unità e di condivisione. Ha ripetuto che bisogna mettere in rete tutti i protagonisti della difesa dei pazienti. L’obiettivo deve essere quello di migliorare la qualità della vita delle persone. Addirittura, deve essere quello di assicurare il diritto alla vita. Ha poi voluto affermare una cosa importante. Nel panorama del mondo della salute, Fincopp è diversa. “Noi siamo persone serie”, ha aggiunto.

Poi, ha iniziato a parlare Gianfranco Lamberti.

Incontinenza, disfunzioni del pavimento pelvico e riabilitazione

Gianfranco Lamberti ha detto che quando si parla di disfunzioni del pavimento pelvico, si incontrano sempre due problemi. Fare riabilitazione è difficle? Come si trova il centro giusto? Gianfranco Lamberti è un medico fisiatra, attualmente Direttore del Dipartimento di Medicina Riabilitativa dell’AUSL di Piacenza. Si è occupato da sempre di disfunzioni del pavimento pelvico, della loro prevenzione, diagnosi e cura. Su questo argomento ha scritto diversi testi e tiene corsi di formazione di altissimo livello. Fa parte del Comitato Tecnico Scientifico di Fincopp OdV nel quale ricopre il ruolo di coordinatore. E’ membro di Società Scientifiche e di organismi impegnati nell’incontinenza e disfunzioni del pavimento pelvico. E’ un professionista che sa di cosa parla.

La riabilitazione del pavimento pelvico è efficace. Questo ha detto in modo molto chiaro, Gianfranco Lamberti. Lo affermano le evidenze scientifiche e le linee guida nazionali e internazionali. Eppure si fa più chirurgia che riabilitazione. Questo accade perché la riabilitazione costa ed è meno “spiccia”. Le persone che soffrono di disturbi pelvici fanno fatica a parlarne. I medici son più facilmente portatui a prescrivere farmaci. In questo contesto, hanno buon gioco le aziende che producono e pubblicizzano pannolini profumati, oggi anche per uomini.

La riabilitazione funziona ma deve essere eseguita in modo corretto. Le disfunzioni del pavimento pelvico devono essere trattate in modo multidisciplinare. I professionisti devono lavorare insieme e coordinarsi tra loro.

E’ necessaria una corretta preparazione

Il Dott. Lamberti ha osservato che c’è poi il problema della formazione. Per occuparsi di disturbi pelvi-perineali è necessario avere la formazione giusta. Su questo punto si assiste ad una sorta di lotta tra le diverse professioni sanitarie. Oggi si osserva che le Università stanno dando vita sempre più spesso a Master su questa materia.E’ priobabile che le prossime generazioni di professionisti del pavimento pelvico abbiamo finalmente una preparazinoe adeguata. Questo permetterà loro di prendere in carico la persona nella sua completezza e di lavorare in team. Probabilmente non sarà però sufficiente. Bisognerà porre attenzione anche alla preparazione degli specialisti. Più in generale, bisognerà favorire la cultura della salute a tutti i livelli del sistema sociale.

Il trattamento corretto dell’incontinenza e delle disfunzioni del pavimento pelvico passa dall’organizzazione dei centri di primo, secondo e terzo livello sul territorio. Lo ha ribadito Gianfranco Lamberti che ha ricordato come questo sia stato definito con chiarezza nell’accordo Stato – Regioni del gennaio 2018. Si tratta di un accordo che non è stato ancora attuato. La Regione Piemonte lo ha fatto. Ha anche avviato i tavoli di lavoro per le definizioni dei PDTA. Ha attuato iniziative di informazione, educazione e sensibilizzazione tra i cittadini. Quasi tutte le altre Regioni sono molto indietro su questo punto.

Sull’organizzazione dei centri a livello territoriale sui sono sentite le testimonianze di quattro Fincopp Regionali. Paola Melchiorre di Fincopp Abruzzo, Antonella Giosué di Fincopp Calabria, Giovanni Panariello di Fincopp Campania e Natalia Cellamare di Fincopp Puglia hanno raccontato della situazione nei loro territori. Ne è risultato un notevole impegno da parte delle organizzazioni Fincopp in un ambito in cui c’è ancora molto da fare. Questo appare molto evidente. Questo lo sa bene anche Fincopp Lombardia che qualche giorno dopo ha dedicato un evento in diretta all’argomento.

XVI Giornata Nazionale Incontinenza di Fincopp: importanti iniziative

Fincopp OdV ha atteso la XVI Giornata Nazionale dell’Incontinenza per rendere pubbliche due importanti iniziative. E’ stata lanciata Fincopp App. L’applicazione permetterà ai pazienti di accedere rapidamente ad informazioni precise e aggiornate. Offrirà anche la possibilità di ottenere supporto e pareri di professionisti qualificati.

Nel corso dell’evento, Fincopp ha consegnato i premi per le buone prassi agli enti che si sono distini nella stesura di gare di appalto. Parliamo di gare di appalto per l’acquisto di dispositivi medici. Diverse amministrazioni pubbliche hanno partecipato all’iniziativa. Fincopp ha premiato quelle che si sono distinte nell’attenzione ai bisogni del paziente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.