Al momento stai visualizzando Fincopp su Rai3 Lombardia e Rai Radio1
Fincopp su Rai3 Lombardia

Fincopp su Rai3 Lombardia e Rai Radio1

Fincopp su Rai3 Lombardia e Rai Radio1 con il Dott. Gianfranco Lamberti. Il Dott Lamberti è Fisiatra e Direttore Dipartimento di Medicina Riabilitativa AUSL Piacenza. Da molti anni dedica attenzione ai problemi del pavimento pelvico e alle tecniche riabilitative per curarle. E’ membro di Fincopp OdV e di Fincopp Lombardia OdV. In Fincopp OdV ricopre il ruolo di coordinatore el Comitato Scientifico.

 

L’incontinenza si cura

Nella stragrande maggioranza dei casi si può curare l’incontinenza. La si cura innanzi tutto con terapie conservative. Lo dicono le linee guida internazionali. Queste sono terapie che non comprendono la chirurgia che, se necessario, interviene dopo. Parliamo di riabilitazione del pavimento pelvico e di terapia farmacologica. Già, pavimento pelvico. Come scriveremo più sotto, l’incontinenza è solo una delle disfunzioni pelviche. Ognuna di queste può provocare problemi seri. Pressoché tutte si possono curare. Semplicemente, non si sa. Chi comincia a soffrirne pensa che sia un problema irrisolvibile cui può solo rassegnarsi. O che può risolvere con il giusto pannolino che permette di andare serenamente al carnevale di Rio.

Non è così!

Sono oltre 5.000.000 le persone che in Italia hanno problemi pelvi-perineali. Uomini e donne di ogni età. Questi disturbi infatti non colpiscono solo persone anziane. Molti di coloro che ne patiscono sono in piena età lavorativa. Altri ancora più giovani. Senza dimenticare l’incontinenza nel bambino. Sono quasi sempre curabili.

Parlare dell’incontinenza è necessario.

Parlare dell’incontinenza è necessario. Non a caso abbiamo proposto di intitolare la trasmissione “Incontinenza: l’importanza di parlarne per curarla”. Il punto è semplice: intorno all’incontinenza c’è la congiura del silenzio.

I pazienti non ne parlano. Si vergognano. I medici ne parlano poco: temono di urtare la suscettibilità dei pazienti. Dice il Dott. Francesco Vallone che l’incontinenza deve essere indagata. I professionisti sanitari non possono aspettare che ne parli il paziente. Spesso non succede. La persona si nasconde. Parla a ragion veduta il Dott. Vallone. Anche lui è uno specialista in Fisiatria, impegnato da anni nella riabilitazine pelvica.

La gente comune ne parla meno ancora. Esiste una sorta di ingiustificato pudore – possiamo dire reticenza – intorno a questo tema. Se qualcuno provasse a parlarne in pubblico, incontrerebbe sguardi imbarazzati. Spesso anche commenti ironici, sarcastici, anche di derisione. Chi poi non ne parla proprio o quasi, sono le Istituzioni. Considerano l’incontinenza un problema di serie B. Hanno cose molto più importanti cui pensare, anche in ambito sanitario.

Da un certo punto di vista, potrebbe sembrare che abbiano ragione. Lepatologie cardiovascolari o quelle oncologiche sono forse più importanti. Sicuramente sono importanti. Molto. La classificca su quale lo sia di più o di meno diventa però un po’ difficile. E’ un fatto: di incontinenza non si muore ma l’incintinenza uccide la vita. Con ripercussioni fisiche, psichiche e sociali, oltre che economiche, queste a carico anche del Sistema Paese.

Parlare dell’incontinenza non è giusto.

No, non stiamo facendo confusione. Lo ripetiamo: parlare di incontinenza non è giusto. L’incontinenza è uno dei problemi del pavimento pelvico. Questi formano una lunga lista. Possiamo iniziare dall’incontinenza urinaria da sforzo, da urgenza o mista e dalla ritenzione urinaria. Ricordiamo poi incontinenza fecale, stipsi e dissinergismo. Possono esseci disturbi del primo gruppo e quelli del secondo ma pure gli uni e gli altri insieme.  Non dimentichiamo i prolassi, il dolore pelvico-cronico, la vescica iperattiva e la dispareunia.

Non dobbiamo parlare quindi di incontinenza ma dell’insieme dei disturbi e delle disfunzioni del pavimento pelvico. Sono tanti e spesso si presentano insieme. Per questo, lo studio e la cura del pavimento pelvico è una questione multidisciplinare e multiprofessionale. Dobbiamo quindi parlare di questi. Lo dobbiamo fare per spiegare che sono molto diffusi e che si curano. Dobbiamo trasmettere il coraggio di affrontarli, Informazione e consapevolezza.

Il Dott. Lamberti l’ha detto con chiarezza. Dobbiamo parlarne per curarli perché si possono curare.

La Giornata Nazionale

Ogni 28 Giugno si tiene la Giornata Nazionale per la Prevenzione e la Cura dell’Incontinenza. Il Presidente del Consiglio dei Ministri l’ha istituita nel 2006. Da allora, la Giornata è diventata un appuntamento annuale fisso.

In questa occasione siamo impegnati a dare una particolare intensificazione alle attività di sensibilizzazione e divulgazione. Insieme a Fincopp sono impegnati tutti centri che sul territorio nazionale aderiscono all’iniziativa. Intorno alla data della giornata, questi organizzaono eventi di informazione e anche di prevenzione. Ogni centro mette a disposizione sue risorse per l’esecuzione di visite di prevenzione e diagnosi precoce.

Fincopp Lombardia OdV, quest’anno, propone visite urologiche, ginecologiche e proctologiche oltre ad incontri di sostengno psicologico. Organizza inoltre un Webinar aperto al pubblico per raccontare i disturbi del pavimento pelvico.

 

Fincopp Lombardia è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti: tel. 035.221931

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.